Sardegna Medievale - ebook d'arte

IL NOSTRO PROGETTO

E-mail Stampa PDF

Le finalità del sito ‘Sardegna medievale’ si possono riassumere nella volontà di diffusione della conoscenza di una cultura semisconosciuta al grande pubblico sardo e nella maggior parte dei casi ignorata oppure esaminata con molta superficialità dagli studiosi continentali, che troppo spesso esprimono i loro giudizi sulla base di documentazione fotografica infedele.

La storia dell’arte è storia del più profondo sentire degli uomini di ogni tempo: senza questa conoscenza ogni conoscenza è incompleta, tarpata di una parte importante, vitale del nostro essere umano. Ogni studente sa che qualsiasi avvenimento della storia si fissa nella memoria in maniera indelebile se può essere associato a una immagine: Francesco senza gli affreschi di Giotto ad Assisi non sarebbe il santo che tutti conosciamo; le eleganze raffinatissime della civiltà trecentesca toscana non avrebbero alcuna concretezza senza le eteree Madonne di Simone Martini.

Fino a non molti decenni or sono la Sardegna è stata rappresentata soltanto dal mondo dei nuraghi e dagli affreschi della abbazia di Saccargia: due momenti culturali assai più espressivi di qualunque racconto storico per quanto alto questo potesse essere e niente affatto estranei ad esso se lo si vuole comprendere fino in fondo. La ricerca è progredita e Saccargia non è più un unicum. Si è scoperto che qui circolavano ateliers di grande livello; cicli pittorici come quelli di Galtellì o di Trullas ma anche gli affreschi della chiesa del castello di Bosa testimoniano l’assurdità di vecchie tesi secondo le quali l’Isola avrebbe vissuto in orgoglioso isolamento rispetto alla vorticosa circolazione di uomini e di idee lungo le rotte mediterranee durante il corso di tutto il Medioevo. Taglie pisane chiamate dai giudici sardi costruivano alcune tra le più belle chiese medievali sarde, oggetto di stupore quando un visitatore impreparato si trova improvvisamente di fronte ad esse; le decorazioni scultoree medievali spesso non sono inferiori per livello qualitativo alle opere presenti nel duomo pisano; i cicli affrescati e scolpiti mostrano quale melting pot di operatori (lombardi, toscani, laziali, visigoti) lavoravano nelle chiese dell’Isola al servizio dei regnanti locali e dei vescovi.

Se poi si dovesse pensare che solo dopo il Mille, come attesterebbe la documentazione storica pervenutaci, la Sardegna si sarebbe aperta alla cultura continentale, ebbene basteranno i dipinti murali della chiesa rupestre di Sant’Andrea Priu a Bonorva o le decorazioni aniconiche di riuso presenti nella facciata del San Nicola di Trullas anteriori al volgere del Millennio per attestare che un solo tipo di ricerca (quella storica) non è in grado di offrire un quadro completo di qualsiasi civiltà. Gli esempi a dimostrazione di quanto affermato sono moltissimi e non dimentichiamo affatto il peso della cultura bizantina ampiamente testimoniata nell’Isola da numerosi edifici sacri e materiale plastico, così come quello dell’eredità paleocristiana attestata da alcuni capitelli conservati nel San Gavino di Porto Torres.

Dunque un filo ininterrotto (o meglio: là dove ci sono cesure troppo ampie queste sono addebitabili a perdite o insufficienza della ricerca) che si intreccia intimamente con la storia del continente europeo, dell’Oriente bizantino e del mondo arabo.

Coordinatore scientifico del progetto è la storica dell’arte Fernanda Poli che ha elaborato un piano di lavoro quanto più possibile completo dei siti medievali meritevoli di attenzione, spesso trascurati o comunque trattati a livello ‘inventariale’ negli scritti editi, allo scopo di valorizzarne quel ruolo di pietre miliari che rivestono tutti i ‘monumenti’ (cioè opere degne di memoria). Non sarà trascurato alcun aspetto della civiltà altomedievale e medievale (architettura, pittura, scultura, epigrafia, nonché le cosiddette, con definizione impropria, arti minori). Il sito è aperto anche a contributi sull’archeologia specialmente quando collegati al trapasso tra il mondo classico e l’incipiente civiltà altomedievale.

Amministratore del sito e curatrice della documentazione fotografica è la fotografa Rossella Fadda.

Verranno accolti interventi di studiosi giovani e meno giovani desiderosi di contribuire al nostro progetto: la diffusione della conoscenza dell’arte in Sardegna.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 23 Aprile 2014 12:52 )  
You are here: Home IL NOSTRO PROGETTO